Chiediti

Per vivere consapevolmente è di fondamentale importanza saper fare domande.
Domande a se stessi, su se stessi.
E’ fondamentale avere voglia di comprendere, avere spirito di indagine, essere curiosi, avere fame di conoscenza.
Questo non ha niente a che vedere con le elucubrazioni mentali e non è semplicemente un modo per risolvere i problemi.
E’ avere consapevolezza della vita, della sua intensa profondità, del suo mistero lucente, è chiedersi cosa significa la nostra presenza qui, essere uomini, donne, figli, genitori, segretarie, farmacisti, operai, capi, immigrati, ladri, missionari.
E’ chiedersi chi siamo nel profondo, è sapere e voler sapere il nostro compito su questa terra.
Attenzione però: sapersi fare domande non significa trovare risposte.
Soprattutto non implica risposte rapide, conseguenza spesso di un pensiero superficiale.
Significa saper riflettere, saper volgere lo sguardo dentro e stare in ascolto, dare il tempo alle domande di arrivare nelle nostre cellule, di toccare la nostra anima, lasciarle entrare e uscire, ancora e ancora, come il respiro.
Spesso facciamo l’errore di credere che tutto questo non sia compatibile con la vita quotidiana.
Ma stare in ascolto non vuol dire stare immobili.
Indagine e consapevolezza sono la stessa cosa proveniente da direzioni diverse.
Possiamo lasciare risuonare le domande dentro di noi mentre laviamo i piatti, mentre guidiamo la macchina o mentre ci facciamo una doccia.
In svariate forme e con intensità differente, la vita è costellata di problemi da affrontare e possibilmente risolvere.
Vale sempre la costante che il primo passo è la consapevolezza.
Saper osservare.
Stare in ascolto.
Fare domande.
Questo può produrre molti pensieri e spesso sembreranno risposte.
Prova a ricordare che l’obiettivo non è pensare alle risposte, ma è prestare attenzione a quello che le domande stesse evocano, alle sensazioni, alle immagini.
Come se tu fossi seduto sulla sponda di un fiume e guardassi l’acqua scorrere tra i sassi, osservassi un ramo o una foglia trasportati dalla corrente.
Continua a indagare dentro di te.
Continua a lasciare che le tue domande siano come offerte sull’altare della vita.
Deponile dentro di te con fiducia.
Sapranno loro dove andare.
Faranno il loro lavoro.
E si trasformeranno in gradini d’oro per il tuo procedere.