Il senso di colpa

Chi di noi non conosce la sensazione di desiderare qualcosa…ma al tempo stesso di sentirsi in colpa per desiderarla?

Chi non si è mai fatto frenare dal senso di colpa generato da una situazione in cui perseguivamo il nostro intento ma ci sentivamo bloccati dal disagio scaturito dal sentirsi colpevoli di qualche mancanza?

Chi non si è mai perso o confuso nel labirinto dei dubbi che nascono dal senso di colpa tanto da mettere a repentaglio il proprio agire?

Il senso di colpa è come catrame sulle nostre emozioni e sensazioni.

 

Così…come vincerlo?

Come evitare del tutto la colpa in modo da poter agire come vogliamo senza limitazioni e sovrastrutture inutili?

La risposta è: non puoi.

Non è possibile.

Molto sovente la colpa è parte del patto.

E questa NON è una notizia negativa.

Prefiggersi l'obiettivo di non provare più sensi di colpa è un pò come voler non avere mai più paura.

La paura fa parte del nostro agire.

E possiamo agire nonostante la paura.

Perchè il fine NON è essere perfetti, ma è vivere la vita al meglio delle nostre possibilità.

 

E' questo il punto amici miei, fare del nostro meglio.

Ma davvero. 

Il che non vuol dire raccontarsi di mettercela tutta per concederci ogni attenuante, ma significa mettere sempre tutta la tua intenzione, tutto te stesso, con presenza, cura, amore.

Credo che abbia più senso accogliere nella nostra vita anche le "debolezze", mettere in conto che possiamo avere paura, che possiamo sentirci in colpa, ma in tutto questo essere consapevoli che possiamo procedere nel nostro percorso portandoci dietro anche quella parte di noi che sembra metterci i bastoni tra le ruote.

Ma se permettiamo alla nostra anima di continuare nel suo cammino, potremo attraversare le zone d'ombra e arrivare dall'altra parte rafforzati dall'esperienza che "possiamo farlo!".

E proprio nel momento in cui scegliamo di agire nonostante dubbi, paure, sensi di colpa…niente di più facile che si dissolvano da soli.

 

Tornando all'argomento da cui siamo partiti, potrai quindi "assaporare" il senso di colpa mentre danzi nella vita dei tuoi sogni.

Fa parte della tua coscienza, è la tensione intesa come "tensione creativa".

Puoi lasciare la persona che è stata il tuo primo amore, perchè è tempo di crescere.

Puoi lasciare tuo figlio alla baby sitter per avere il tempo di fare yoga.

Puoi lasciarti alle spalle la tua idea di madre perfetta.

Puoi lasciare i tuoi doveri ogni tanto per mettere le basi per quel progetto che sembra una pazzia.

 

Soprattutto, NON aspettare di non avere sensi di colpa per agire.

Spingi i limiti percepiti.

Vai un pò oltre quei limiti che ti stai mettendo.

Vola un pò più in alto di loro.

Puoi fare DAVVERO del tuo meglio.

Puoi usare colori più brillanti.

Puoi concedere alla tua anima di esprimersi.

 

La colpa di seguire il tuo cuore è un peso che puoi sopportare se il tuo sogno è abbastanza forte.

Questo non è sinonimo di egoismo, nè di mancanza di rispetto e di attenzione per gli altri.

Il fine NON giustifica i mezzi, per quanto mi riguarda.

Ma di sicuro se il fine è la tua anima, il tuo sogno, il tuo bisogno profondo…allora ritengo doveroso nei confronti della vita stessa non chiudere occhi e cuore, ma agire in quella direzione.

 

E così può essere che tu stia andando anche nella direzione del senso di colpa.

Respira.

E continua ad andare.

Quando la tua anima è chiara e agisce in nome dell'Amore, l'Universo ti sostiene.

Respira.

E continua ad andare.

Sorridi.

E continua ad andare.

Abbi fiducia.

E continua ad andare.

 

Conoscersi e fare chiarezza è fondamentale, ma fai attenzione a non rimanere invischiato nel groviglio di domande che diventano paure, dubbi, preoccupazioni, ansie.

Allunga il passo e scavalca quel groviglio.

Muoviti, agisci, sii profondamente vivo.

Essere vivo è anche questo, sentire la paura, il dubbio, il senso di colpa.

E sapere andare avanti consapevoli, nonostante tutto.

 

Ci vuole coraggio amici, lo so.

Ma siamo qui per questo.

Coraggio, dal latino core habeo: avere cuore, non dimenticatelo.

E tutti abbiamo un cuore.

Usatelo amici miei, usatelo senza limiti.

In definitiva, siamo tutti migliori se lasciamo che il nostro cuore prenda l'iniziativa.