L’intelligenza del cuore

Tutti i grandi maestri sostengono che concentrarsi troppo sulll'apprendimento intellettuale può condurre a trascurare l'intelligenza del cuore.

Se dovessimo scegliere tra sapere e altruismo, io credo proprio che sceglierei il secondo.

Abbiamo escluso l'amore e la compassione dalla vita perchè c'è una sorta di convinzione diffusa che siano modalità di comportamento ingenue.

Ma l'amore e la compassione sono la fonte principale della felicità umana.

Questa mancanza ha disumanizzato i rapporti personali, perchè non ci rendiamo conto  che rendere felici gli altri e proteggere i loro interessi è importante per la nostra felicità.

Non si tratta di un atteggiamento idealistico e utopico.

Un'anima che trabocca Amore e compassione è più disponibile e aperta agli altri e genera una considerevole energia.

Più li si diffonde, più li si pratica, più ci si sente in pace e felici.

Ci sono spiegazioni interessanti a riguardo, nell'ambito della fisica quantistica per chi fosse scettico.

 

La mente umana ha uno straordinario potere di trasformazione, esperimenti condotti dalle neuroscienze analizzano e misurano gli effetti dell'allenamento mentale sul cervello umano nonchè i cambiamenti che si riscontrano osservando stati mentali positivi.

Recenti scoperte hanno dimostrato la particolare duttilità del cervello di coloro che praticano la meditazione, per quanto riguarda l'elasticità delle connessioni sinaptiche e la comparsa di nuovi neuroni.

Ricerche simili possono avere un notevole impatto per tutto quello che riguarda l'educazione e la salute mentale e spronare molte persone a trasformarsi e a provare compassione, a cambiare atteggiamento e a sviluppare una maggiore empatia nei confronti degli altri, tutti processi che avrebbero un considerevole  effetto sull'intera società se fossimo in molti a esercitarci in questo senso.

Sicuramente ricordi il senso di meraviglia e di pace mentre stavi a guardare un tramonto sulla riva del mare o all'alba in montagna.

Ma il sole sorge e tramonta ogni giorno anche quando siamo a casa e noi lo notiamo appena.

Nel caos quotidiano sentiamo di aver perso qualcosa.

E quel qualcosa spesso siamo NOI.

Correre a prendere i figli a scuola senza notare la loro faccia radiosa quando ti corrono incontro, correre in ufficio senza notare le viole sbocciate nell'aiuola, andare in vacanza o a un concerto e passare il tempo a filmarli invece che a goderseli mentre li stiamo vivendo.

Tutti abbiamo notato questi comportamenti.

Tutti abbiamo visto queste persone.

Tutti siamo stati queste persone.

Ricordati, per favore, che in ognuno di noi c'è un tempo senza tempo che esiste a prescindere dalla nostra attività, da chi siamo in ufficio o a casa, c'è un tempo senza tempo che ci permette di dire che abbiamo una coscienza, che non potrebbe esistere se quella dimensione non ci fosse.

Sembra un concetto difficile da spiegare, ma noi misuriamo le nostre esperienze col tempo.

Quando facciamo qualcosa di bello diciamo che il tempo è volato.

Quando ci annoiamo il tempo non passa più.

E quando mancano pochi giorni alla consegna di un lavoro, corriamo contro il tempo.

Ma in tutto questo caos di sensazioni, esiste uno spazio illimitato ed eterno, ed esiste dentro ognuno di noi, anche se può sembrarci incredibile.

Più ci sembra inconcepibile, maggiore è l'esperienza del caos dentro di noi, che annulla ogni possibilità di credere e sentirne la presenza costante e immutata.

Questa presenza è l'anima amici miei, lo spazio senza tempo che sostiene comunque e in ogni modo con la gioia, la grazia, la compassione, l'amore ogni momento della nostra vita.

A volte basta fermarsi a respirare per ricontattarla.

A volte dobbiamo invece cercarla e riconquistarla.

La bella notizia è che lei comunque non se ne va.

Questo è il grande dono che ci fa l'Universo: l'anima c'è sempre, anche in chi fa di tutto per negarla.

Solo si ritira silente sempre più in profondità, togliendo al nostro spirito e di conseguenza al nostro corpo, luce e salute, vitalità e saggezza.

La meravigliosa saggezza del cuore, vera medicina e fonte di sostegno alla vita.

Non mi stancherò mai di spingervi a rimanere in contatto con la vostra anima, con l'intelligenza del vostro cuore, con la dolcezza dell'energia d'Amore.

E non temo il giudizio di chi schernisce queste affermazioni, perchè so che proprio chi le definisce risibili è chi ne ha più bisogno.

Anche per gli individui più duri e recidivi, quando si è trattato di voler veramente guarire, anima e corpo, l'unica reale possibilità è sempre e soltanto stata questa.